Elementi Navigazione

Cittadino

Disdetta Prenotazione

Sanzioni e giustificazioni per mancata disdetta delle prenotazioni

Dal 1° agosto 2014, se non è possibile presentarsi ad una visita prenotata, è obbligatorio per legge disdire la prenotazione. Chi non lo fa riceve una sanzione pari al massimo del costo del ticket della prestazione anche in presenza di eventuali esenzioni.

La disdetta va fatta almeno 2 (due) giorni lavorativi pieni, esclusi la domenica ed i giorni festivi, prima della prenotazione (escludendo il giorno dell’ appuntamento stesso), ricordandosi di conservare la comunicazione di avvenuta disdetta.

In caso di mancata disdetta nei tempi indicati, tramite posta o chiamata al numero telefonico indicato, il cittadino che non ha disdetto la prenotazione o non lo ha fatto nei tempi previsti, riceve una lettera dalla Asl, firmata dal Direttore Generale, di notifica della sanzione. Nella nota sono indicati il codice della prenotazione, con la data dell’ appuntamento mancato, l’ entità della sanzione, le modalità di pagamento e i recapiti per presentare eventuali giustificativi.

La sanzione viene comminata anche se il cittadino è esente per:

  • reddito, età, patologia Ricevuta la notifica, il cittadino ha 30 giorni di tempo per giustificare la mancata disdetta o l’ impedimento a usufruire della prestazione;
  • così facendo, è possibile evitare il pagamento della multa, presentando l’eventuale comunicazione di avvenuta disdetta o utilizzando apposito modulo che può essere scaricato dal Sito aziendale o ritirato presso l’ ufficio URP del Distretto Sanitario di appartenenza.

COME PRENOTARE UNA VISITA

File allegati alla sezione:

Regolamento mancata disdetta