Elementi Navigazione

DISTRETTO H5 - VELLETRI

UOS Cure Intermedie

INDIRIZZO    

via San Biagio, 19/21 Velletri - 2° piano

RESPONSABILE    

Dott.ssa Sandra Sacchetti

RECAPITI      

Responsabile D.ssa Sandra Sacchetti - tel. 06 9327 2447 Fax 06 9327 2467
Coordinatrice CPSE Simona Ippoliti 06 9327 2391
Accoglienza Utenti 06 9327 2427
Geriatra Tel. 06 9327 2977
Assistente Sociale D.ssa Marina Varroni 06 9327 2485
Accoglienza visite fisiatriche e neurologiche - CPSF Bruschini Maria Grazia, CPSF Simmi Cheti - 06 9327 2411

MODALITA' DI ACCESSO / ORARI

IL PRIMO ACCESSO AL SERVIZIO AVVIENE TRAMITE P.U.A. (Punto Unico di Accesso) vedasi sezione dedicata. Per poter accedere al Servizio ADI è necessaria la richiesta di attivazione da parte del Medico di Base attraverso la compilazione della cartella del Servizio; la stessa cartella dovrà essere firmata dal paziente e riconsegnata al PUA nei giorni ed orari stabiliti (vedasi sezione dedicata), seguirà una valutazione da parte della UVM dell'idoneità alla presa in carico del paziente. La UVM (Unità di Valutazione Multidimensionale) composta dal medico, assistente sociale e coordinatore infermiere si recherà al domicilio del paziente, previo contatto telefonico, per la valutazione delle condizioni del paziente (stato di autonomia e presenza o assenza di deterioramento cognitivo), nello stesso tempo verrà lasciata al paziente e/o ai suoi familiari la Carta dei Servizi del CAD

DESCRIZIONE E FINALITA' DEL SERVIZIO     

Le Cure Intermedie hanno come obiettivo principale l'assistenza ai soggetti fragili:

Attraverso l'ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) l’attività viene rivolta ai soggetti in condizioni di non autosufficienza, permanente o temporanea che determini l’impossibilità ad accedere alle strutture sanitarie ambulatoriali, residenti nel territorio del Distretto o con domicilio sanitario nello stesso, senza limiti di età e senza limiti di reddito;

Attraverso l’Assistenza Domiciliare ad Alta Intensità (ADIAI), che è rivolta a pazienti residenti nel territorio del Distretto, in dimissioni dai reparti ospedalieri ad alta intensità e affetti da malattie neurodegenerative, da insufficienza respiratoria cronica grave con necessità di Ventilazione Meccanica Domiciliare invasiva e non, o totalmente dipendenti da ventilatore, con operatori sanitari;

Attraverso le valutazione per: ricoveri in RSA - Hospice - Assistenza Riabilitativa ex Art. 26

L' Assistenza Domiciliare è un servizio territoriale attraverso il quale l'Azienda Sanitaria garantisce l'erogazione di interventi socio sanitari al domicilio del paziente per anziani non autosufficienti e per cittadini che si trovano in condizione temporanea o permanente di non autosufficienza, al fine di favorire la permanenza nel proprio ambiente familiare e sociale, riducendo così il ricorso all'ospedalizzazione impropria.

PRESTAZIONI EROGATE      

  • Autorizzazione al rinnovo ricovero in RSA, Hospice e Riabilitazione ex art 26, tramite Unità Valutativa
  • Valutazione e controllo dei piani assistenziali individuali nei pazienti in assistenza domiciliare e negli ospiti in RSA, tramite Unità Valutativa
  • Monitoraggio e controllo per inserimento in lista di attesa in RSA
  • Gestione informatica delle cartelle individuali
  • Le prestazioni erogate dall' ADI sono:
  1. Prestazioni mediche specialistiche (Geriatriche, Cardiologiche, Fisiatriche, Neurologiche, Urologiche e Pneumologiche). Valutazioni per ricoveri in Rsa, Hospice, fisioterapia ex art.26
  2. Terapie Riabilitative e Fisiokinesiterapiche a domicilio
  3. Consulenze Sociali
  4. Prestazioni Infermieristiche, come: prelievi ematici, medicazioni, gestione catetere vescicale, gestione NAD e PIC.

MODULISTICA NECESSARIA

Per tutte le prestazioni erogate è necessaria la richiesta su impegnativa regionale del medico di base con la dicitura "a domicilio"

MODULISTICA

INFORMAZIONI UTILI

Ricoveri

Per ricoveri ed iscrizioni in RSA è necessaria l'autorizzazione rilasciata dalla UVM di competenza.
Per ricoveri in Hospice è necessario inviare via fax il modulo per la proposta di presa in carico formulata dal medico di medicina generale o dal medico specialista o dal medico ospedaliero, direttamente ai centri hospice accrediditi dalla Regione Lazio